Van Sharing Tridente

Roma 5 maggo 2016

VAN SHARING TRIDENTE
Per correttezza morale nei confronti del gruppo Roma Produttiva che si rappresenta dobbiamo precisare quanto segue.
L’idea ed il progetto van sharing nel tridente nasce da un’esigenza sottoposta dal nostro associato Giovanni Rosa, presidente degli artigiani di via Margutta nostro associato.
Sottoponendomi le difficoltà del trasporto merci in quell’area ha fatto si che mi mobilitassi per coinvolgere la Nissan, specialista nel trasporto elettrico, nella persona di un suo dirigente Massimiliano De Blasi, papà di una compagnetta di scuola di mia figlia, il quale mettendosi a completa disposizione anche con importanti contributi economici, mi ha convito ad organizzare un tavolo con il comune di Roma, al quale parteciparono, l’allora assessore alle attività produttive Marta Leonori, Leslie Capone, Jacopo Maria Pescitelli in rappresentanza anche del presidente del I° Municipio Sabrina Alfonsi, un rappresentante dell’assessorato alla modilità di Guido Improta, il dirigente della Nissan Alberto Sabotino e i rappresentanti di Roma Produttiva, Giulio Anticoli Botteghe Storiche, Carmen Fasano e Cristiana Perali via dei Banchi Vecchi, Pellegrino Monserrato, Stefano Antonelli Arti e Mestieri Rione Monti, Claudio Franchi via di Tor di Nona. Claudio Poggi artigiani via dell’Orso, Palomba, Soldati Zanardelli e strade limitrofe, Corrado Sacchi piazza della Rotonda e successivamente Barbara Mandatori via Sistina via Crispi.
Il progetto a buon punto di realizzazione naufragò a seguito delle dimissioni dell’allora assessore Improta

Oggi a distanza di tempo viene realizzato, e ringraziamo gli organi competenti per questo, ma nella comunicazione uscita in questi giorni sui giornali non compare minimamente il nostro fondamentale operato, omettendo il lavoro e l’idea di chi l’ha partorita. Una grave mancanza, che il gruppo ha deciso di imputare ad una semplice distrazione, anche se le fonti per onestà morale, debbo essere sempre citate senza distrazioni.
A prescindere dalla comunicazione, al gruppo Roma Produttiva interessava dare un servizio alla città che purtroppo nella sua operatività non siamo ancora riusciti a fornire, perché malgrado le indicazioni che avevamo fornito, la macchina è stata posizionata all’interno dello ZTL e non è stata creata un’area di scambio.
Questo vuol dire che ad oggi, un installatore che deve fare un servizio nel tridente, deve comunque pagare la tassa di entrata nello ZTL di oltre 2000 euro per arrivare al van, ed una volta arrivato li, non ha a disposizione un’area di parcheggio per lasciare il suo furgone a motore e prendere quello elettrico caricato della sua attrezzatura.
Con l’assessore alla mobilità Anna Vincenzoni ci siamo dati appuntamento per rendere efficace questo avveniristico progetto, per poi pubblicizzarlo con i mezzi di comunicazione delle circa 700 aziende che il gruppo Roma Produttiva rappresenta.

Il Presidente Roma Produttiva
Giulio Anticoli