Tor di Valle Stadio Flaminio

Roma 28 marzo 2017

CONVEGNO MARTEDÌ 28 MARZO AUDITORIUM MAXXI VIA GUIDO RENI, ORGANIZZATO DA FEDER SUPPORTER IN COLLABORAZIONE CON  “ROMA PRODUTTIVA”  PER LA RIQUALIFICA DEGLI IMPIANTI SPORTIVI

COMUNICATO STAMPA

Roma 29 marzo 2017

Si è tenuto il , 28 marzo, in Roma, presso l’Auditorium del MAXXI, con il Patrocinio del 2° Municipio di Roma Capitale e in collaborazione con “Roma Produttiva”, Associazione rappresentativa del mondo della cultura produttiva artigianale e commerciale della piccola impresa di Roma, il Convegno di Federsupporter “Impianti Sportivi. Tor di Valle Vs Flaminio: Rischi ed Opportunità”. Dopo i saluti di benvenuto del Presidente del 2° Municipio, D.ssa Francesca Del Bello e l’introduzione del Moderatore, Dr. Fabio Cortese, Giornalista e Consigliere dello stesso Municipio, particolarmente significativo è stato l’intervento dell’On. Roberto Morassut che ha evidenziato come lo Stadio Flaminio, ma anche lo Stadio Olimpico, in quanto beni pubblici, non possano rimanere o essere abbandonati a se stessi. Le importanti relazioni del Prof. Enrico Lubrano, Titolare della Cattedra di Diritto dello Sport dell’Università LUISS-Guido Carli e dell’Avv. Massimo Rossetti, di Federsupporter,  hanno sottolineato gli aspetti tecnico-giuridici dell’investimento a Tor di Valle, tuttora sotto l’esame della Conferenza di Servizi decisoria della Regione.

 

 Il presidente di Roma Produttiva, Giulio Anticoli (a destra nella foto), ricorda lo stato di abbandono della città e del centro storico diventato un gran bazar, i 49 cinema chiusi o trasformati, le migliaia di botteghe artigiane diventate minimarket, frutterie ed empori gestiti da stranieri. Parla di «Ripartire dagli stadi, dalle aree di cultura, con un risveglio cittadino per riqualificare questo patrimonio». Dice, «Ripartire da zero per dare a Roma una dimensione europea».

 L’intervento del Presidente di Federsupporter, Dr. Alfredo Parisi,   ha sottolineato ciò che egli stesso ha definito “un sogno”: il recupero dello Stadio Flaminio come bene a disposizione, non solo di tutti gli sportivi, ma anche e soprattutto dei cittadini. Significativo è stato il contributo telefonico, da Urbino, del Prof. Vittorio Sgarbi che ha  ribadito la propria netta contrarietà a iniziative che, con il pretesto della costruzione di nuovi impianti sportivi, in realtà, mirano a realizzare colossali speculazioni edilizie senza alcun rispetto di aspetti urbanistici, paesaggistici e culturali. Egli ha, inoltre, richiamato l’attenzione sull’esigenza di recuperare lo Stadio Flaminio alla sua originaria finalità e bellezza che rappresenta,, non solo un impianto sportivo, bensì un’opera di altissimo valore culturale, architettonico e artistico e come tale da salvaguardare. Il Convegno si è concluso con numerosi interventi dalla Sala: in particolare, la D.ssa Maria Cristina Lattanzi di Italia Nostra e l’Avv. Renato Siniscalchi, Vice Presidente della Sezione Nuoto della Polisportiva Lazio, hanno fornito una testimonianza ed un messaggio nel segno della legalità, della cultura e dell’impegno sociale.

COMUNICATO STAMPA

http://www.federsupporter.it/index.php/722-convegno-28-marzo-2017-resoconto

L'immagine può contenere: sMS